Fine pasto

Lui…

Leggo il mio libro usato.
Le pagine non si risollevano, hanno già provato il peso di altre mani e, ora, le mie dita sfiorano questi fogli.
Che strano e dolce destino, per un libro che, appoggiato sul tavolo di un’osteria, si ritrova ancora a raccontar storie.
Pesco del pane dal cestino e leggo.
Un piccolo sorso di rosso di cantina.
Giro una pagina e ne approfitto per un nuovo boccone, lento.
Stasera non c’è calma. Un brindisi chiassoso si fa spazio nella sala. La mia curiosità vince sul pasto e mi volto.
Tanti visi e una donna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...