Lui e il segreto del sorriso

Avevano passeggiato a lungo quella sera. Parlato di tutto.

Ognuno assorto negli occhi dell’altro.

Avevano pensato tutte le parole del mondo ma nel filtro della testa due, quelle due, si erano impigliate e non riuscivano proprio ad uscire.

La serata rischiava di restare nei ricordi bella ma inutile.

Così lui prese la penna, che teneva sempre nella sua tracolla, e scrisse veloce.

Piegò in due la carta e la infilò nella tasca della giacca di lei.

Dopo pochi secondi o forse ore, si salutarono e lei rimase sola ad aspettare. Cercando il biglietto dell’autobus si infilò la mani nelle tasche e con grande sorpresa trovò quel fazzoletto.

Poco ci mancò che lo buttasse.

Ma non lo fece.

Lo aprì e sorrise. Perché a volte scrivere è meglio di tacere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...