In nome della madre

“L’anno in cui sua madre lo partorì non era santo.(..)

Non nacque in un momento di allegria, ma durante un viaggio, uno spostamento forzato. (..)

Nacque sotto la coda e l’auspicio di una cometa, non un segno di buona fortuna secondo le credenze e le superstizioni antiche. (..)
Non aprì le acque come Mosè, però ci camminò sopra senza bagnarsi
Non creò il frutto della vite, ma seppe provvedere, in una festa, a vendemmiare vino dall’acqua.
Non creò il sole, il fuoco, né luna, né stelle già create, ma diede vista ai ciechi e questo è un modo di inventare luce. (…)
Nascesse oggi, sarebbe in una barca di immigrati (…)

Forse continua a nascere così, senza sopravvivere e il venticinque dicembre è solo il più celebre dei suoi compleanni.
Dopo di lui il tempo si è ridotto a un frattempo.
(Erri De Luca, da ” Nocciolo d’oliva” )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...