Loro e l’intreccio di labbra

Lei mi passa con le nocche una carezza sopra il dorso della mano.

Non riesco a ricambiare.

Resto fermo.

“Mi piace come sei. Un sasso e io un fiume.”

La guardo in faccia, ho l’impulso di alzarmi e raggiungerla stringendola in un abbraccio.

Resto fermo.

“E io piaccio a te” dice, e non è una domanda.

Non rispondo.

“Allora è sì!” afferma sicura.

“Ma certo. Non ricordo tanta bellezza, qui in questa casa, qui nella mia vita…”

“Non è vero; ma la tua bugia mi suona bene. ” mi interrompe.

Si alza e si avvicina.

Metto un braccio intorno alla sua vita. Avvicino la sua mano al naso. Lavanda.

Appoggia la fronte alla mia, una lentezza calda.

Il suo respiro copre il mio e si sta così vicini da rimanere fermi.

Spinge con la mano la mia nuca. Faccia contro faccia e intreccio di bocche.

Ora respirano solo i nasi e niente è così forte da staccarci, adesso.

 

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Loro e l’intreccio di labbra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...